Archivi del mese: marzo 2009

Archivio

COMUNE DI GENOVA – ASSEMBLEA PUBBLICA

Il Comune di Genova indice un’Assemblea pubblica  sulla riqualificazione dell’area ex rimessa AMT di Boccadasse, lunedì 2 marzo 2009, alle ore 15,00, presso la sala del Conservatorio Nicolò Paganini, a Genova in via Albaro n.38. La presentazione è curata dall’arch. Mario Botta. Partecipa la sindaco Marta Vincenzi. Gli iscritti sono  invitati a partecipare.

Archivio

Energethica 2009

L'Ordine parteciperà ad Energethica 2009.

Cliccare sull'immagine qui sopra per accedere al sito web di Energethica. 

Anche quest’anno l’Ordine degli Architetti è presente alla manifestazione di Energethica con un proprio stand, nell’invitarvi a visitarci informiamo che :La registrazione dei visitatori a Energethica 2009 è obbligatoria e l'unico modo per ottenere la riduzione è quello di usufruire del nuovo sistema di pre-registrazione on line.
la *username* da inserire è: VE9102478 è riservata all’Ordine degli Architetti e deve essere utilizzata per ottenere ingressi ridotti al 50%, ovvero 7€ invece dei 14€ (che si pagherebbe se effettua la registrazione sul posto), deve essere utilizzata in fase di preregistrazione online entro il 28 Febbraio alla pagina:http://www.energethica.it/energethica-form.php

Archivio

CORSO: “CULTURA D’IMPRESA PER ARCHITETTI”

Euro.Forma, Ente Nazionale Formazione Europea, organizza, in collaborazione con l’Ordine il corso “CULTURA D’IMPRESA PER ARCHITETTI” che ha lo scopo di preparare il professionista allo svolgimento del proprio lavoro secondo criteri di managerialità, così come richiesto dalle attuali esigenze del mercato. Il corso è gratuito e si articola in quattro edizioni, ciascuna di 24 ore, comprende 12 iscritti. La prima edizione comincerà il 4 marzo, la seconda il 9 marzo, la terza il 29 aprile, la quarta l’11 maggio 2009. Le lezioni si svolgeranno presso la sede dell’Ordine, dalle ore 16,00 alle ore 19,00.Mercoled’ 25 febbraio 2009, alle ore 14,00, Euroforma presenterà il corso.Gli iscritti interessati dovranno inviare domanda d’iscrizione entro il 20 febbraio 2009 a Euroforma, al n.di fax 010.8682130 o all’indirizzo e mail info@euroforma.it

CLICCARE QUI PER SCARICARE I CALENDARI

Archivio

Architettura e Potere

una conversazione conGiorgio Parodi, Presidente Ordine PPC GenovaEnrico Arosio, giornalista, L'EspressoStefano Boeri, architetto e direttore di AbitareGiovanni Caudo, urbanista, Facoltà di Architettura RomaTreMassimo Ilardi, sociologo urbano, Facoltà di Architettura di Ascoli PicenoTommaso Principi, Paolo Brescia_architetti/Open Building ResearchFabrizio Violante, critico cinematografico/Archphoto.it modera Emanuele Piccardo, architetto e curatore Archphoto.it L’architetto è stato sempre intimamente legato al suo contesto sociale. Egli è uno degli strumenti umani posti al servizio del potere dominante, ha il mandato di consolidare le posizioni. L’architettura, oltre ad assolvere ad una sua diretta funzione, ha sempre avuto il compito di mantenere il potere … L’architettura non è un fatto autonomo, come certe prime donne del disegno ci vogliono far credere; l’architettura nasce e si forma nel grembo della società, è il prodotto di una età specifica, di un epoca definita.”
(Hannes Meyer)
L'architettura da sempre si relaziona con il Potere, essa stessa è la rappresentazione fisica del potere politico, economico e culturale del pubblico e del privato. La politica ha condizionato la costruzione e l’espansione delle città, individuando nell’architettura uno strumento di propaganda ideologica. Oggi, con la scomparsa dell’ideologia, la politica ha abbandonato il governo delle città delegando al mercato la regia delle trasformazioni urbane. D’altronde gli stessi architetti hanno contribuito ad alimentare questo appiattimento sulle regole del mercato, in cui il profitto occupa il primo posto, annientando quelle finalità sociali che l’architettura ha invece nel suo dna. Il permanere dell’intreccio tra affari-politica-architettura fa sì che si confonda il risultato del progetto, inteso come sintesi di un processo, con il manufatto edilizio costruito dai più spregiudicati immobiliaristi che producono la non città. Quale contributo può fornire l’architetto nel definire l’idea di città? Gli ultimi anni hanno evidenziato una doppia crisi: in primis, quella urbanistica ossia l’incapacità di regolamentare l’uso del territorio attraverso una normativa che limiti l’espansione incontrollata generatrice del fenomeno della città diffusa. La seconda causa va ricercata nella debolezza dell’architetto nei confronti del committente in termini di incidenza sulla qualità formale e costruttiva delle opere realizzate. L’assenza di una visione a largo raggio, al di là delle scadenze elettorali, pone la politica in una condizione di mediocrità culturale a cui l’architetto, con i suoi strumenti, deve sopperire. E’ il caso dell’Affresco che Renzo Piano regala alla sua città, Genova, dove immagina lo sviluppo urbano tra un decennio e oltre, ipotizzando uno scenario futuro. Recentemente, dopo l'ondata giustizialista di Tangentopoli, abbiamo assistito ad un ulteriore degrado etico e morale della professione dell'architetto, figura sempre più portavoce di un potere imprenditoriale che non produce, così come ci viene proposto, nessun valore aggiunto per la nostra società. Occorre che il mondo dell'architettura, intellettuale e professionale, faccia autocritica per aver sostenuto e difeso modalità del fare architettura prive di ogni etica che hanno determinato l'assenza dell'opera architettonica. E' ormai prassi consolidata tra i progettisti formare cordate con gli imprenditori per assaltare e conquistare porzioni di territorio sempre maggiori, senza un progetto politico che sappia orientare e condizionare le scelte immobiliari. A nessuno degli immobiliaristi italiani ne tanto meno ai politici, interessa l'architettura, anzi usano gli architetti, il cui difetto è vendersi al miglior offerente, per mascherare operazioni speculative attraverso un disegno accattivante e trendy di mere speculazioni edilizie. La questione etica non va sottovalutata e l'architettura, in cui noi viviamo quotidianamente, non può essere rappresentata da corruttori e corrotti, in quanto la sua caratteristica intrinseca è migliorare le nostre condizioni di vita. Sbaglia chi, tra gli architetti e sono molti, considera la questione etica solo un problema di stile o un'appartenenza ideologica al giustizialismo. L'etica  e la trasparenza di coloro che amministrano una comunità devono costituire una base per rifondare la società contemporanea, certo i malesseri che attraversano i territori della politica non indicano una soluzione rapida.

Archivio

Convegni Energethica

Dal 5 al 7 marzo 2009 si svolgerà a Genova, presso la Fiera del Mare,  Energethica 2009, 4° salone dell’energia rinnovabile e sostenibile.

Nell’ambito della manifestazione si svolgeranno numerose iniziative.

Segnaliamo agli iscritti le seguenti:

  • 7 marzo 2009, h.9,30, CONVEGNO “Ambiente Benessere Energia”, organizzato dalla Associazione Culturale “Architettura e Geobiologia”;

 

  • 7 marzo 2009, h.15,00, CONVEGNO “Le risorse idriche: principi di tutela territoriale e tecniche per un utilizzo efficiente”, organizzato dall’Istituto Nazionale di Bioarchitettura – sezione provinciale di Genova; 

 

  • 5 marzo 2009, h. 14,00, CONVEGNO “Insediamenti sostenibili in area urbana: esperienze a confronto”, organizzato dal Dipartimento di Progettazione e Costruzione dell’Architettura – Facoltà di Architettura di Genova.

CLICCARE QUI PER SCARICARE IL MATERIALE RELATIVO AI CONVEGNI

Archivio

ARTOUR-O ’09

ARTOUR-O ’09 è il MuST: Museo Temporaneo

ARTOUR-O torna a FIRENZE per la quinta edizione in città del MuST, il MuseoTemporaneo, un evento unico che vuole sottolineare il prestigio di Firenze anche nell’arte contemporanea e consolidarla come punto di riferimento per collezionisti, galleristi, artisti e curatori.Come la scorsa edizione, ARTOUR-O si svolgerà all’interno del Grand Hotel Minerva in Piazza Santa Maria Novella dal 6 al 8 marzo 2009, con inaugurazione su invito giovedì 5 marzo.L’obiettivo di ARTOUR-O è quello di presentare opere d’arte contemporanee in contesti sia abitativi (come Hotel, Show-room, Palazzi storici) che urbani. Sin dalla sua prima edizione, ARTOUR-O invade la città scandendo, con opere selezionate fra quelle proposte dai partecipanti, un percorso che presenterà l’inestimabile patrimonio culturale fiorentino in simbiosi con la creatività del nostro momento artistico, tema principe del progetto. Fra gli spazi coinvolti ricordiamo: l’Officina Profumo e Farmaceutica di Santa Maria Novella, Palazzo Vecchio, JK Place Hotel, il Museo Bigallo – Museo Ideale di Leonardo da Vinci – ed alcune prestigiose gallerie cittadine.Il progetto si propone, quindi, come una sintesi del nostro modo di fare e vivere ogni forma d’espressione artistica evidenziando il ruolo unico che l’Italia ha nel mondo grazie all'arte, all'architettura ed al design. Il MuST, Museo Temporaneo, ripropone lo stretto connubio tra territorio ed arte contemporanea, testimoniato dalla partecipazione alla manifestazione di numerose istituzioni pubbliche.ARTOUR-O è un momento di riflessione su quanto accade oggi nel nostro territorio sia a livello istituzionale che privato, non si tratta, dunque, di una fiera, sebbene per le gallerie esista una cotè commerciale, ma uno strumento per disegnare una mappa dei luoghi scoperti e promossi da ARTOUR-O ed infatti il catalogo della manifestazione sarà corredato di una vera e propria pianta topografica.  ARTOUR-O, il MUST, sarà presente anche a Roma  all’interno del progetto espositivo ROMA The Road To Contemporary Art, utilizzando la  stessa formula già usata a Shanghai nel 2007. In questo caso sarà allestita una mostra intitolata “CROSSOVER – dal bianco al nero… con la lente di Galileo”, ispirata a Galileo Galilei, e realizzata grazie alle opere proposte dalle gallerie e dalle istituzioni partecipanti ad ARTOUR-O.ARTOUR-O sarà una delle mete della manifestazione romana, realizzando la suddetta la mostra, presso lo Show-room di Poltrona Frau ubicato nel cuore di Roma in via Tomacelli 192, e trasformando lo spazio espositivo in un vero e proprio un appartamento Italian Style. Attraverso ARTOUR-O intendiamo dimostrare che in Italia  esiste uno straordinario Museo d’arte contemporanea diffuso su tutto il territorio e formato dagli operatori istituzionali e privati che punteggiano il nostro Paese attraverso un sapiente e tenace lavoro di diffusione, promozione e mecenatismo.lLa manifestazione sarà seguita da numerose testate giornalistiche, fra cui: Inside, Art Forum, Gallery Guide, Modern Painters, Exibart, Segno, AD, Abitare, Artkey, Artshow, ed A2pg Publishing Parigi. Un programma ricchissimo e di grande qualità quello di ARTOUR-O 2009, sempre più connotato dalla presenza delle maggiori istituzioni allo scopo di creare sinergie tra la manifestazione ed il territorio per una full immersion nell’arte a Firenze, cuore pulsante per le arti visive di ieri e di oggi. 

Per informazioni:

Web: www.artour-o.com
E-mail: info@artour-o.com
Tel: +39 010 2474544 / Fax: +39 010 2474475 

Press Office: Olivia Spatola

E-mail: olivia.spatola@tin.it
Mob: +39 335 6463636
Tel: +39 02 34538354

CLICCARE QUI PER SCARICARE L'INVITO