Archivi del mese: novembre 2009

Archivio

Borse studio tirocini transnazionali

L'Ordine di Roma (come capofila), insieme ad altri 42 Ordini coordinati tra loro selezioneranno alcuni giovani colleghi intenzionati a vedere la professione d'architetto come l'occasione per lasciare il proprio territorio, per esplorare quello che è il mondo del lavoro contemporaneo, non più dentro il cortile di casa ma lontano, dove il mercato richiede progettisti con la sensibilità tipica della nostra cultura mediterranea e più specificatamente di quella italiana. L'Ordine di Genova ha da offrire una borsa: si troverà un collega under 35 disposto a lasciare per sei mesi le sue lamentele quotidiane sulla cronica carenza di lavoro per andare a tentare la fortuna all'estero ?

Ma vediamo di capire meglio di cosa si tratta: nell'ambito del Programma Comunitario Leonardo da Vinci sarà tra breve pubblicato il nuovo bando per il progetto di mobilità per giovani architetti che mette a disposizione borse di studio per tirocini transnazionali della durata di 26 settimane presso studi professionali all'estero. Il bando è rivolto a giovani architetti disposti a mettere in discussione le loro capacità e confrontarsi con il mercato europeo. Ad ogni giovane collega verrà corrisposta una borsa di studio a copertura del soggiorno, del biglietto di andata e ritorno e dell'assicurazione.

Il candidato dovrà:

l  Essere regolarmente iscritti agli Ordini degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori sopraccitati o aver presentato domanda di iscrizione o trasferimento presso lo stesso Ordine.
l  Essere di età non superiore ai 35 anni (requisito della Comunità Europea).
l  Non essere residenti o cittadini del paese in cui si intende compiere lo stage.
l  Non usufruire contemporaneamente di altri finanziamenti per soggiorni all'estero, erogati su fondi dell'Unione Europea o da altri Enti.
l  Conoscenza della lingua del paese ospitante (che può essere perfezionata nel corso del periodo formativo che precede il trasferimento presso lo studio ospitante).

Gli italiani rappresentano il 10% dei tirocinanti Leonardo complessivi. Nel 2008, per esempio, nel nostro Paese sono stati avviati oltre cinquemila tirocini: le mete più gettonate sono state la Gran Bretagna e la Spagna, che insieme hanno raccolto oltre la metà delle preferenze (rispettivamente 26% e 25%). A seguire Francia (9%), Irlanda (7%) e Germania (6,5%). I tirocinanti ricevono un rimborso spese che varia rispetto alla durata della permanenza all’estero e al paese di destinazione. L'ammontare viene stabilito dai singoli proponenti sulla base di una tabella di massimali redatta dalla Commissione europea: per esempio, i massimali relativi all’annualità di selezione appena trascorsa indicano che il rimborso spese più alto, fino a 1300 euro al mese, era previsto per Danimarca, Francia e Irlanda, mentre quello più basso era previsto per la Bulgaria (700 euro al mese). I dati del 2008 ci dicono anche che il programma Leonardo è prediletto dalle donne (che rappresentano il 61% del totale dei partecipanti), e per quanto riguarda la provenienza geografica dai veneti (18%), piemontesi (13%), marchigiani (11%) ed emiliano-romagnoli (8%).

Ed i liguri ? Non siamo più quel popolo che aspira a viaggiare per cercare la fortuna oltre l'orizzonte? Vedremo quante domande arriveranno presso la nostra sede.

Natale Raineri

Archivio

Strategie di riqualificazione dell’edilizia sociale.

Strategie di riqualificazione dell’edilizia sociale.

Il caso della Diga nel Quartiere Diamante a Begato.

L’oggetto

L’edificio noto come “Diga di Begato” è compreso all’interno del quartiere Diamante, costituto da un insieme di complessi residenziali realizzati nella metà degli anni ’80, parte in edilizia sovvenzionata, parte in edilizia convenzionata. Il progetto degli architetti Piero Gambacciani (capogruppo), R. Elisa Garibaldi, M.Teresa Gambino, P. Ferreri e dell’ ing. Francesco Tomasinelli  era  inserito negli interventi finanziati  dalla Legge 25/80, che a Genova  contribuì ad incrementare il patrimonio  edilizio pubblico provvedendo nuove risorse per il completamento dei quartieri ERP.

La Diga è un complesso edilizio di grandi dimensioni (due edifici, uno da 276 l’altro da 245 alloggi, inizialmente collegati a metà altezza da un percorso orizzontale passante, per una volumetria complessiva di oltre 140.000mc) e di forte impatto ambientale e paesaggistico (corre dall’uno all’altro versante di una piccola valle tributaria della Valpolcevera, ostruendola completamente, ed è visibile a grande distanza).  

I caratteri architettonici, la scarsa qualità dei materiali, in particolare la distribuzione e la definizione degli spazi collettivi, acuiscono le difficoltà sociali e di convivenza e favoriscono comportamenti illegali o devianti.

Un recente intervento di riqualificazione ha riguardato parte dell’edificio; si tratta ora di verificare i risultati ottenuti e di decidere se sia più opportuno procedere ad un’estensione di tale intervento (con gli eventuali aggiustamenti) o procedere ad interventi più radicali: è infatti stata più volte proposta la demolizione di parte o dell’intero complesso …

CLICCARE QUI PER SCARICARE IL PROGRAMMA

Archivio

NUOVI CORSI CERTIFICAZIONE ENERGETICA

NUOVI CORSI SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA.

ERRATA CORRIGE "il pagamento dovra' avvenire entro il 6.11.2009"

Lunedì 21 settembre è stata approvata dalla Regione Liguria la delibera n.1254/2009 (pubblicata sul BURL il 07/10/2009), che aggiorna i disposti della DGR 1601/2008.
In base a tale delibera, gli Architetti iscritti alla Sezione A e gli Architetti junior iscritti alla Sezione B dell'Albo Professionale potranno iscriversi nell'Elenco Regionale dei professionisti abilitati al rilascio della certificazione energetica se muniti dell'attestato di partecipazione ad un corso di formazione della durata di 16 ore. L'attestato verrà rilasciato a chi avrà frequentato il corso senza assenze; non si deve sostenere alcun esame finale.

E' necessario peraltro specificare che nelle 16 ore verranno illustrate soltanto le procedure per la gestione del software "Celeste"; le nozioni necessarie per il calcolo dei valori da immettere vengono invece date per acquisite, considerando che il percorso universitario compiuto comprende esami di fisica tecnica.

Il corso da 16 ore inizierà il giorno 6/11/2009 e costa € 300,00.

L'Ordine degli Architetti ed Euro.Forma propongono anche un corso integrativo di 44 ore a frequenza libera, dedicato ai Colleghi che preferiscono compiere un ripasso guidato del programma di fisica tecnica, specificatamente mirato alle nozioni utili per la redazione della certificazione energetica.

Il corso da 60 ore (le 44 facoltative di ripasso + le 16 obbligatorie di cui sopra) inizierà il giorno 16/10/2009 e costa € 640,00.

Si tratta di un corso teso a conferire una maggiore preparazione, considerate le responsabilità che si assume il Certificatore; rispetto al corso da 80 ore previsto dalla DGR 1601/2008 c'è comunque un risparmio di 20 ore, giudicate non essenziali per la redazione del Certificato.
Si è stabilito di non scendere sotto alle 60 ore poiché aver frequentato un corso di almeno 60 ore conferisce la possibilità di certificare anche nella Regione Lombardia, con maggiori sbocchi lavorativi.


>>>  CLICCARE QUI PER SCARICARE: modulo per l'iscrizione e i calendari didattici del corso 16 ore e del corso 60 ore.  <<<


NB. CHI HA GIA' EFFETTUATO IL PAGAMENTO DI EURO 840,00 DEVE SPECIFICARE A QUALE CORSO VUOLE ADERIRE E GLI VERRA' RIACCREDITATA LA DIFFERENZA: SPECIFICARE PERTANTO IL CODICE IBAN PER IL BONIFICO.

Archivio

PIANO CASA

Sul Bollettino Ufficiale della Regione Liguria, n.49 del 4 novembre 2009, parte I, è stata pubblicata la legge n.49 del 3 novembre 2009 “Misure urgenti per il rilancio dell’attività edilizia e per la riqualificazione del patrimonio urbanistico-edilizio”.

Archivio

MAILING LIST

Gli iscritti che ancora non lo avessero fatto sono invitati ad iscriversi alla mailing list dell'Ordine andando su questa pagina: ISCRIZIONE MAILING LIST

 

Ciò consentirà loro di ricevere la rivista informatica OA Notizie, le circolari, gli inviti a convegni, incontri, mostre.Inoltre gli iscritti sono invitati a comunicare all’Ordine la variazione d’indirizzo della posta elettronica.