Archivi del mese: giugno 2018

congresso nazionale CNAPPC 2018
OA Informa, Professione

VIII CONGRESSO NAZIONALE ARCHITETTI PPC, A ROMA LA TRE GIORNI DEDICATA ALL’ARCHITETTURA

E’ online il PROGRAMMA dell’VIII Congresso Nazionale Architetti PPC sul sito ufficiale http://www.cnappccongresso2018.it.

Il Congresso, che si svolgerà dal 5 al 7 luglio all’Auditorium Parco della Musica di Roma, richiamerà 3 mila delegati in rappresentanza dei 155 mila iscritti ai diversi Ordini regionali. L’Ordine di Genova sarà presente con una delegazione di 49 colleghi.

I temi del Congresso nel comunicato ufficiale del CNAPPC.

Comunicato stampa
Architetti: VIII Congresso nazionale, attesi 3mila delegati in rappresentanza dei 155mila iscritti – Cappochin “dal Congresso una grande proposta al Paese per le nuove città”
dal 5 al 7 luglio a Roma (Auditorium Parco della Musica)

Sarà un Congresso-proposta rivolto non solo agli architetti ma soprattutto al Paese, per far emergere l’ineludibile e improcrastinabile necessità di una nuova stagione di pianificazione strategica che approcci lo spazio edificato da un punto di vista olistico e incentrato sul ruolo della cultura della costruzione di qualità a tutti i livelli territoriali e cioè non solo con riferimento alle città e agli spazi urbani, ma anche a quelli periferici e rurali e
alle relative interconnessioni. La cultura è un insostituibile volano della sostenibilità economica, sociale e ambientale, plasma la nostra identità e definisce la nostra eredità; per questo, come riportato nella Dichiarazione di Davos – dello scorso gennaio – dei Ministri europei della cultura, deve essere messa al centro delle politiche di sviluppo, in quanto
nessun sviluppo può definirsi democratico, pacifico e sostenibile se non è fondato sulla cultura”.
Spiega così Giuseppe Cappochin, Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori il senso più profondo della tre giorni (dal 5 al 7 luglio, Roma, Auditorium Parco della Musica) che vedrà riuniti nell’VIII Congresso nazionale 3mila delegati in rappresentanza dei 155mila iscritti.
L’assise sarà preceduta, il 4 luglio, dalla Conferenza Nazionale degli Ordini degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori per la presentazione dei documenti congressuali e per la cerimonia inaugurale del Congresso prevista all’Acquario Romano.
Il programma dei lavori del 5 luglio, prima giornata del Congresso, prevede la relazione di apertura del Presidente del Consiglio Nazionale, Giuseppe Cappochin, sui “Principi per una nuova legge per lo sviluppo delle città del futuro prossimo e per una legge per l’architettura” alla quale faranno seguito i saluti dei rappresentanti delle Istituzioni
governative e parlamentari e delle autonomie locali, delle altre professioni oltre che dei presidenti mondiale ed europeo della categoria.
Nel pomeriggio, l’analisi giuridica della proposta illustrata da Cappochin sarà al centro dell’intervento dell’avvocato Paolo Stella Richter; al termine, prevista la proiezione del video “Come cambiano le città italiane: dalle città metropolitane ai piccoli Comuni” che illustra gli spunti più significativi raccolti nel lungo percorso di ascolto dei
territori – quattordici tappe da nord a sud del Paese – che ha caratterizzato i mesi di preparazione del Congresso.
Percorso che ha permesso un confronto con oltre settemila tra architetti, pubblici amministratori, esponenti della politica, dell’economia, della cultura, del volontariato e, più in generale, della società civile. Sempre nel pomeriggio della prima giornata dei lavori, tre le Tavole Rotonde previste: “Riflessioni del Comitato Scientifico del Congresso Nazionale”; “Le città resilienti. Presentazione e confronto esperienze internazionali”; “Agenda urbana 2030. Esperienze italiane e europee a confronto”.
La conclusione della giornata prevede interventi su “Il ruolo dello Stato nelle città del futuro” con la partecipazione di Giovanni Maria Flick, Presidente Emerito della Corte Costituzionale.
“Il Congresso nazionale consentirà, anche grazie agli interventi di decine di relatori nazionali ed internazionali tutti di alto livello scientifico e professionale, una analisi puntuale e approfondita – spiega ancora Cappochin – dalla quale desideriamo emerga con forza che il Paese non può più attendere – dandosi una visione strategica di lungo periodo –
quel salto di qualità che se non viene compiuto relegherà inevitabilmente l’Italia in posizioni di retroguardia rispetto al resto dell’Europa. Su un tema, per di più, come l’architettura e le città che ha visto il pensiero italiano guardato come punto di riferimento da tutto il mondo”.
Proprio per consentire di analizzare tutti gli aspetti della complessa e articolata problematica città-architetti-architettura, tutta la seconda giornata del Congresso (6 luglio) sarà scandita da una serie di Tavole Rotonde che approfondiranno alcuni dei maggiori temi sul tappeto: da “Le città del futuro prossimo. Verso una cultura della costruzione di qualità” al “Consumo di suolo a saldo zero e rigenerazione urbana. Confronto tra le leggi regionali”; dai “Principi per una nuova legge per lo sviluppo delle città del futuro prossimo” alla “Legge sull’architettura. Le esperienze internazionali a confronto” a quella con al centro il tema della “Intelligenza Collettiva e Nuovo Umanesimo.”
A caratterizzare, tra l’altro, la giornata, l’intervento a fine mattina di Gil Penalosa, ex Sindaco di Bogotà, Direttore e Presidente del Consiglio Esecutivo 8-80 Cities su “Creating Vibrant and Healthy Cities for All”.
Sempre nella seconda giornata congressuale prevista la presentazione, da parte di Lorenzo Bellicini, Direttore del Cresme, della ricerca “Centri storici, periferie, città diffusa, aree interne: sviluppo e squilibri nell’Italia di oggi”: uno studio che – spiega – “racconta l’evolversi ed il cambiamento del modello insediativo italiano”. In chiusura dei lavori
verrà presentata una selezione dei migliori progetti vincitori dei concorsi di progettazione in due gradi selezionati per la Mostra. Verranno anche presentati i Protocolli e i Bandi dei nuovi concorsi di architettura in due gradi.
Sabato 7 luglio, giornata conclusiva del Congresso, in programma la presentazione dell’indagine “L’immagine sociale dell’architetto” curata dal sociologo Mario Abis alla quale seguiranno gli interventi di Paolo Baratta, Presidente de La Biennale di Venezia; Vittorino Andreoli, Psichiatra e Scrittore; Michele Dall’Ongaro, Presidente – Sovrintendente
Accademia Nazionale di Santa Cecilia.
Chiuderanno i lavori del Congresso Nazionale la presentazione del Manifesto del Congresso, la presentazione e votazione di Mozioni e l’intervento di chiusura del Presidente Giuseppe Cappochin che traccerà il bilancio delle tre giornate congressuali, importante punto di partenza per il lavoro che, nei prossimi due-tre anni, vedranno impegnati in tutta una serie di iniziative gli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori italiani.

In allegato il programma.

ALLEGATO: Programma VIII Congresso

OA Informa, Professione

Commissione Pari Opportunità

L’Ordine degli Architetti di Genova PPC di Genova, come molti altri Ordini presenti sul territorio nazionale, ha recentemente deciso di istituire una nuova Commissione dedicata alla tutela delle pari opportunità nell’esercizio della professione di architetto.

Lo scopo di tale Commissione è quello di contribuire alla lotta contro tutte le forme di discriminazione relative al nostro lavoro – genere, età, disabilità, etnia, orientamento sessuale, fede religiosa – impegnandosi al contempo a valorizzare le diversità all’interno del mondo dell’architettura.

Primo atto che ha preceduto l’istituzione della Commissione è stato la sottoscrizione di una Carta Etica per le Pari Opportunità promossa da ADA e patrocinata dal Consiglio Nazionale.

La finalità è di rendere il mondo del lavoro sempre più inclusivo attraverso iniziative di sensibilizzazione e formazione e il supporto a eventi dedicati alla promozione dei diritti della persona.

Per aderire alla commissione, sarà sufficiente inviare all’indirizzo PEC dell’Ordine (archgenova@pec.aruba.it) il modulo di adesione debitamente compilato, entro e non oltre lo 08.07.2018

ALLEGATO: Modello richiesta inserimento commissione Pari opportunità

 

In homepage, OA Informa, Professione

Comune di Genova: obbligatoria l’iscrizione dei professionisti al Mercato Elettronico MEPA per l’affidamento dei servizi di architettura e ingegneria

Il Comune di Genova, come anche anticipato dall’assessore ai Lavori Pubblici arch. Paolo Fanghella durante il suo intervento al Convegno sul prezzario OO.PP. di venerdì 25 maggio scorso, ha “azzerato” l’elenco dei professionisti di cui era in possesso ritenendo, conformemente alla normativa vigente, di avvalersi del Mercato Elettronico MEPA per la selezione dei professionisti da invitare per l’affidamento dei servizi di Architettura ed Ingegneria.

Pertanto si invitano tutti i colleghi interessati ad essere invitati a trattative per i servizi professionali ad iscriversi al Mercato Elettronico, seguendo attentamente le indicazioni inviate dall’assessorato competente che vengono allegate alla presente comunicazione.

ALLEGATI:
Avviso diffusione Ordini
Allegato Mepa Servizi

Congresso NAzionale
OA Informa, Professione

Verso l’VIII Congresso Nazionale Architetti PCC. Presentato il contributo ai lavori della Federazione Regionale Ordini Architetti PPC Liguria

Dal 5 al 7 luglio 2018 si terrà a Roma l’VIII Congresso Nazionale CNAPPC 2018: Le città del Futuro.
Sul sito del Congresso sono disponibili i documenti predisposti dal CNAPPC allo scopo di presentare i temi e le finalità.

L’Ordine degli Architetti di Genova, come già preannunciato, parteciperà ai lavori del Congresso Nazionale con una delegazione composta da 49 colleghi selezionati fra gli iscritti dell’Ordine.
In preparazione al Congresso, l’Ordine si è riunito insieme alla Federazione Regionale Ordini Architetti PPC Liguria e agli Ordini di Imperia, Savona e La Spezia per definire le tematiche principali da discutere e presentare come contributo condiviso della Liguria al Congresso Nazionale.
A tal proposito, è stato redatto un documento che è già stato caricato sul sito ufficiale del congresso insieme ai contributi degli altri Ordini italiani.

Nella prima parte del documento vengono riassunte le riflessioni emerse durante l’incontro precongresso “Le Città del Futuro” dello scorso 8 febbraio, come la necessità di chiarire, migliorare e coordinare tutto il bagaglio normativo esistente, al fine di semplificare le procedure e rendere più chiari gli obiettivi delle normative; la necessità di dare una definizione precisa dei termini “Architetto” e “Architettura” e stabilire quali siano le competenze dell’Architetto rispetto all’intervento di trasformazione urbana e più in generale rispetto all’intervento sul Paesaggio.
Altri temi affrontati in occasione del precongresso riguardano la necessità di evidenziare il problema dell’edilizia economico popolare, la proposta di inserire i giovani architetti all’interno di gruppi già esistenti al posto di costituire un nuovo gruppo operativo, la necessità di un nuovo modello di progetto per la ricostruzione di territori danneggiati, e, infine, la regolamentazione del Codice Appalti per gli importi sotto i 40 mila euro.

Nella seconda parte del documento presentiamo il contributo della Federazione Ligure al Congresso Nazionale. Chiediamo al CNAPPC di intraprenda azioni affinché il ruolo dell’Architetto riacquisti autorevolezza, non soltanto in qualità di tecnico qualificato e competente, ma come interprete dei valori dell’Architettura. Per questo, il congresso dovrebbe avere un duplice scopo: acquisire gli elementi di una più ampia e puntuale comunicazione verso la società, al fine di affermare l’Architetto come “bisogno sociale”, al quale corrispondono competenze e responsabilità, ma anche un compenso equo e certo, e condividere le esigenze di ordini territoriali che presentano problemi e necessità diverse in relazione al territorio in cui operano.

Un altro problema da non sottovalutare è la sempre più frequente emigrazione dei giovani architetti. Le cause che spingono un architetto a esercitare all’estero la professione sono molteplici: dalla crescita della concorrenza alla crisi economica, dall’iper legislazione alla complicata burocrazia che, anziché semplificare le normative, spesso rende le procedure incerte e difficili. Abbiamo provato a riflettere sulle cause dell’emigrazione, cercando di inviduare quali siano fattori generali su cui è possibile intervenire per invogliare i giovani architetti a restare.

Pubblichiamo in calce il documento completo caricato sul sito del Congresso e l’elenco dei Delegati dell’Ordine di Genova.

Vi terremo aggiornati sui lavori del Congresso.

Arch. Paolo Raffetto
Presidente Ordine Architetti di Genova

ALLEGATI:
Contributo Liguria al Congresso Nazionale

Elenco Delegati dell’Ordine di Genova:

ALCOZER FEDERICA
ASTARITA SILVIA
BEVILACQUA NICOLETTA
BURLANDO ROBERTO
BURRONI ROBERTA
CAREZZANO SANDRA
CASARINI CLAUDIO
CASSINARI ANDREA
CIRILLI GIORGIO
DEL GROSSO MARGHERITA
FERRARI ENRICA MARIA
FOSSA ENRICO
GALATI STEFANO
GASPARINI EGIZIA
GIARDINI GIOVANNI
GIUFFRA FRANCESCA
GRASSI MIRCO
GRIGO’ FEDERICO
LAGOSTENA MARIA RITA
LEONE LILIANA
LOGOZZO ALESSANDRA
MANDRACCIO LUIGI
MARTUSCELLO VALERIA
MASSA MAURIZIO
MATTEINI MILENA
MAZZARI LUCA
MISELLI RICCARDO
MORELLI MIRELLA
MORTOLA CRISTIANA
NEGRO PAOLA
PALAZZINI LAURA
PASSANO FRANCESCA
PATROCINIO CATERINA
PELOSO RAFFAELLA
PODESTA’ DOMENICO
PONTIGGIA FABIO
RAFFETTO PAOLO A.
RENZONI RAFFAELLA
ROSA ANGELA
RUGGIA ROBERTA
SERONELLO CECILIA GIUSEPPINA
SIBILLA STEFANO
SOTTERI MASSIMO
TURCI DANIELA
TUSCANO CLELIA
URAS MIRIA
ZATTERA ANGELA
ZUARO LUCIANA
ZUPPA ALESSANDRA

 

In homepage, OA Informa, Professione

Da maggio in vigore il decreto del Ministero delle Infrastrutture che regola le funzioni del direttore dei lavori

 

Il 30 maggio 2018 è entrato in vigore il decreto del Ministero delle infrastrutture, del 7 marzo 2018, n. 49, emanato su proposta dell’Anac (contemplato nel nuovo Codice dei contratti D.Lgs. n. 50/2016) che regola le funzioni del direttore dei lavori che gli sono state affidate dall’articolo 101, comma 3 del codice.

Numerosi sono i temi che interessano noi professionisti: dall’introduzione dell’obbligo di contabilità computerizzata, alla disciplina delle varianti in corso l’opera, al rapporto con il coordinatore della sicurezza nei casi in cui quest’ultimo non coincida con il direttore dei lavori, fino al recepimento delle recenti disposizioni in tema di adozione dei criteri ambientali minimi nel campo edile ed altro ancora.

In homepage, OA Informa, Professione

Commissione per gli esami di abilitazione alla professione di architetto 2018

Pubblichiamo la Commissione per gli esami di abilitazione alla professione di architetto 2018:

 

Presidente effettivo:  Prof. Fausto NOVI       Prof. Ordinario

Presidente supplente:   Prof. Giorgio MOR      Prof. Associato

Membro effettivo:     Prof. Massimo CORRADI   Prof. Associato

Membro effettivo:     Dott. Catia ALINOVI        Libero Professionista

Membro effettivo:     Dott. Carla GERBAUDI      Funzionario Tecnico

Membro effettivo:     Dott. Riccardo MISELLI       Libero Professionista

Membro supplente:    Prof. Giulia PELLEGRI      Prof. Associato

Membro supplente:    Dott. Roberto BURLANDO     Libero Professionista

Eventi, In homepage, OA Informa

#Viaggi di Architettura – ventiseiesimo Le Corbusier e Louis Kahn in India e Bangladesh

#Viaggi di Architettura – ventiseiesimo
Le Corbusier e Louis Kahn in India e Bangladesh
Chandigarh – Ahmedabad – Dhaka
transitando per il Rajastan
26 ottobre – 10 novembre 2018

ViaggiArchitettura_Arch Melai

Si segnala che il collega genovese Roberto Melai ripropone per il prossimo autunno lo stesso viaggio di studio in India e Bangladesh già effettuato nel 2015. Un viaggio rivolto soprattutto agli architetti (e non solo) con partenza da Milano Malpensa per New Delhi (via Kiev)  venerdi 26 ottobre e rientro a Milano Malpensa con volo da Dhaka via Dubai sabato 10 novembre 2018.

L’itinerario ricalca fedelmente quello collaudato nel 2015 e prevede nell’ordine: n. 3 notti a Chandigarh, n. 1 notte a Mandawa, n. 3 notti a Jaipur, n. 2 notti ad Agra, n. 2 notti ad Ahmedabad, n.1 notte a Mumbai (solo transito), n. 2 notti a Dhaka.

Il costo del viaggio è di € 3.300,00 a persona in camera doppia o matrimoniale per n. 14 notti in alberghi 5 stelle colazione a buffet compresa, tutti i pranzi e tutte le cene, le mance, l’assicurazione sanitaria di viaggio, il fascicolo del viaggio, il pullman per Malpensa da Genova A/R, il pullman in India e Bangladesh per tutta la durata del viaggio, n.4 voli interni; per la camera singola il sovrapprezzo è di € 700,00.

Il viaggio è organizzato con il patrocinio dell’OAPPC di Genova e garantisce n.4 crediti formativi agli iscritti.

La scadenza per il primo acconto di € 1.800,00 è fissata al 25 luglio 2018.

Per informazioni chiamare il prima possibile, e comunque non oltre il 20 luglio 2018, il collega Roberto Melai al 3483805616 o scrivere a melai@architettomelai.com.

Si segnala su youtube il video realizzato dall’architetto napoletano Christian Arpaja che ha partecipato al viaggio 2015 una clip molto bella, rapida ed efficace nel sintetizzare la cavalcata di quelle due entusiasmanti settimane. Per vedere il video cliccare QUI.

ALLEGATO: viaggi di architettura 26esimo_melai

Contatti:
arch. Roberto Melai
Tel. 00393483805616 0039 010 8449580 – 8447688+ fax
melai@architettomelai.com