Archivi del mese: marzo 2019

genova ottimista
Eventi, In homepage, OA Informa

Genova, città e architettura nel ‘900

Uno sguardo su una Genova insolita, lontana dall’intrico dei suoi caruggi e alternativa ai palazzi dei Rolli: “Genova, città e architettura nel ‘900” è il titolo di un ciclo di conferenze che la Fondazione dell’Ordine degli Architetti dedica ai principali contributi architettonici e alle trasformazioni urbanistiche del secolo scorso, a partire dall’8 aprile e fino al 17 giugno, presso la Sala del Minor Consiglio di Palazzo Ducale.

Genova è conosciuta e studiata per il suo centro storico medievale, per le strade aristocratiche del Siglo de Oro e per la sua straordinaria espansione ottocentesca, mentre è meno nota la vicenda della sua trasformazione più recente. Nell’epoca dell’industria, infatti, le trasformazioni produttive e tecnologiche hanno mutato progressivamente, ma in maniera radicale, il linguaggio dell’architettura; una rottura, quella operata dal Moderno rispetto al repertorio classico-accademico familiare anche ai non addetti ai lavori, talmente netta dall’aver provocato, in molti, un senso di rigetto.

Proprio per rendere questa trasformazione più comprensibile, la Fondazione ha chiesto a sei diversi architetti di raccontare l’evoluzione vissuta dalla città nel corso del Novecento, indagandone i processi formativi e le nuove modalità espressive, in modo da far meglio conoscere Genova ai suoi stessi abitanti.

Il primo appuntamento, come detto, è per lunedì 8 aprile con Jacopo Baccani, che parlerà della “Genova ottimista” della Belle Époque.

Di seguito il calendario completo delle conferenze, tutte a ingresso gratuito:

lunedì 8 aprile ore 17, 45
1. GENOVA OTTIMISTA
Un’aspirante metropoli della ‘Belle époque’ fra Gino Coppedé e Renzo Picasso
Jacopo Baccani

martedì 30 aprile ore 17,45
2. LE DIVERSE ANIME DEL MODERNO A GENOVA
“Novecento” e primo razionalismo
Alessandro Ravera

lunedì 13 maggio ore 17,45
3. GENOVA RAZIONALISTA
La città di Luigi Carlo Daneri da Piazza Rossetti al Monoblocco S. Martino
Francesco Rosadini

lunedì 27 maggio ore 17,45
4. GENOVA RICOSTRUITA
Il ruolo degli architetti genovesi nelle trasformazioni urbane del secondo dopoguerra, da Marco Dasso ad Aldo Luigi Rizzo
Antonio Lavarello

martedì 4 giugno ore 17,45
5. GENOVA PER NOI
L’apporto degli architetti non genovesi
Enrico D. Bona

lunedì 17 giugno ore 17, 45
6. UNA MODERNITÀ NUOVA
Le trasformazioni urbane degli anni ’80 e ’90: Carlo Felice, Expo ’92 e Facoltà di Architettura, tre progetti per un nuovo rapporto tra centro e periferie
Gian Luca Porcile

Rassegna stampa

Il Secolo XIX ed. 07/04/2019

La Repubblica, Primocanale, Mentelocale, La Voce di Genova, Palazzo Ducale, La Mia Liguria, Cultura in Liguria, Professione Architetto, GOA Magazine, Visit Genoa

tribunale di genova
Formazione, gestione della professione, In homepage, OA-FOA

Seminario CTU: “La nuova ordinanza tipo nelle esecuzioni immobiliari” (4 CFP)

L’Ordine degli Architetti organizza un seminario informativo sul nuovo modello di ordinanza-tipo predisposto dal Tribunale di Genova per gli adempimenti dei Ctu relativi ai procedimenti di esproprio immobiliare: l’appuntamento è per martedì 16 aprile dalle 14,30 alle 18,30 presso la propria sede di piazza San Matteo; previsto il riconoscimento di 4 CFP.

LOCANDINA

Il nuovo modello riguarda gli adempimenti previsti dall’articolo 569 del codice di procedura civile e, dopo una prima fase di rodaggio, verrà adottato per solito: tra le novità, è previsto che il decreto di nomina dell’ausiliario stimatore e la relativa accettazione di incarico possano essere firmati e inviati telematicamente senza necessità di comparizione fisica in Cancelleria; viene inoltre disposta una nuova formulazione del quesito estimatorio a cui lo stimatore dovrà rispondere tramite il portale Procedure.it

Scarica il nuovo modello di ordinanza-tipo

Iscrizioni aperte sul portale Im@teria

In homepage, OA Informa, Professione

Operativo a Chiavari uno sportello catastale dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate informa che, presso la sede dei Servizi pubblicità immobiliare del Comune di Chiavari, opera uno sportello catastale allo scopo di assicurare un presidio su tali servizi ai cittadini e professionisti del Tigullio.

Lo spostamento nella nuova sede di corso De Michiel 79, insieme all’Ufficio territoriale di Chiavari, e l’attivazione del front office integrato Entrate-Territorio, costituiscono l’occasione per un consolidamento dei servizi di contatto con il pubblico. Lo sportello offre i seguenti servizi:

  • consultazione delle banche dati catastali;
  • accettazione delle domande di voltura (da “paccehetto” e cartacee, incluse le domande di voltura fuori provincia);
  • accettazione delle istanze di correzione e rettifica delle banche dati catastali.

Sempre presso la sede di Chiavari, a partire da aprile, viene istituito in via sperimentale un servizio di assistenza all’utenza professionale in materia catastale, attivo su prenotazione, al mercoledì, con orario 8,30-13. Le richieste di appuntamento, in attesa dell’adeguamento dell’applicativo presente sul sito internet dell’Agenzia, dovranno essere presentate via mail all’indirizzo dp.genova.spichiavari@agenziaentrate.it, indicando un recapito telefonico al quale essere eventualmente ricontattati.

Hennebique e Matitone
discipline ordinistiche, Formazione, In homepage, OA-FOA

Oltre il Ponte: lavori pubblici a Genova, progetti e realizzazioni nella città che guarda al futuro (4 CFP OBBLIGATORI)

Evento valido per l’acquisizione dei 4 crediti formativi obbligatori sulle discipline ordinistiche

Venerdì 5 aprile, presso la Sala Montale del Teatro Carlo Felice, l’Ordine degli Architetti di Genova organizza il convegno “Oltre il Ponte Morandi: lavori pubblici a Genova, progetti e realizzazioni nella città che guarda al futuro” che riconosce 4 CFP obbligatori agli architetti. Scopo della giornata, fotografare lo sforzo dei vari enti e gli investimenti in idee e lavoro che, a partire da oggi e negli anni a venire, trasformeranno la città. L’evento è stato promosso e curato da Roberto Burlando in qualità di coordinatore della commissione Lavori pubblici dell’Ordine degli Architetti.

Genova sta davvero guardando al futuro o sta solo rispondendo all’emergenza successiva al crollo del Ponte Morandi? Su questo tema si confronteranno i rappresentanti degli enti territoriali che, più di altri, hanno competenza e interesse in materia di pianificazione: Comune di Genova, Azienda regionale territoriale per l’edilizia (Arte), Città Metropolitana, Autorità portuale, mondo della sanità e associazioni di categoria, oltre a molti altri enti e soggetti che, lavorando ed investendo a loro volta sul futuro cittadino, contribuiranno al dibattito nella tavola rotonda conclusiva.

Programma

  • Ore 14,00 – apertura dei lavori e registrazione dei partecipanti;
  • Ore 14,30 – saluti istituzionali;
  • Ore 15,00 – “Genova 2050: strategia per la città e piattaforma degli Architetti”, Roberto Burlando, segretario dell’Ordine degli Architetti di Genova;
  • Ore 15,20 – “Il ruolo del Comune di Genova”, arch. Paolo Fanghella, assessore ai lavori pubblici del Comune di Genova;
  • Ore 15,40 – “Autorità Portuale, prospettive di sviluppo”, arch. Vittorio Lagomarsino e arch. Angela Imbesi;
  • Ore 16,00 – “ARTE e rigenerazione urbana”, ing. Girolamo Cotena;
  • Ore 16,20 – “Università di Genova, presente e futuro”, prof. Enrico Dassori;
  • Ore 16,40 – “La sanità e le infrastrutture a Genova, le prospettive della Regione Liguria”, arch. Silvia Risso;
  • Ore 17,00 – tavola rotonda con rappresentanti del mondo del lavoro, Ance, Cna, Confartigianato;
  • Ore 18,00 – dibattito e conclusioni.

LOCANDINA

Iscrizioni: tramite il portale im@teria.it, iscrizioni aperte dalle 16,30 del 28 marzo e fino al 4 aprile 2019
Informazioni: tel. 010 2473272 – 010 2530086; email info@archigenova.it

Rassegna stampa

Mentelocale, La Voce di Genova, Liguria Business Journal, Genova 24

architettura, paesaggio-design-tecnologia, Formazione, In homepage, OA-FOA

L’architettura iraniana oggi

DATA: 04/04/2019
ORARIO: 14.30-18.30
SEDE: AULA BENVENUTO, Stradone Sant’Agostino DAD
ISCRIZIONI: collegandosi al link https://imateria.awn.it
4 CFP

RELATORE:

Prof. Arch. Kamran Afshar Naderi
laureato all’Università di Genova, ha discusso la tesi con il Prof. Edoardo Benvenuto e nel 1993, dopo 13 anni di studio e lavoro in Italia, si è trasferito in Iran. Professore universitario dal 1994, è co-fondatore della più importante rivista iraniana di architettura, Memar (1997). Ha pubblicato: Istituzioni collettive nelle città Islamiche (in collaborazione con Ali Naser Eslami) (1987), Architettura iraniana (2003) e Giardini del paradiso (2007). E’ autore di oltre 150 articoli, pubblicati in Iran, Italia, Inghilterra, Svizzera, Cipro, Turchia, Germania e Kuwait. Presidente di giuria e membro di diversi premi e concorsi di architettura, tra cui il prestigioso “Memar Award”, fondato dalla sua rivista nel 2001, ha tenuto conferenze e seminari in Italia, Svizzera, Kuwait, Hong Kong, Turchia e Cipro. Attualmente è Manager della filiale iraniana del gruppo Artelia, una società multinazionale di ingegneria.

ponte Morandi
In homepage, OA Informa, Professione

Ponte Morandi, sgravi contributivi per professionisti e imprese della Zona franca urbana

Con la circolare del Ministero dello sviluppo economico del 7 marzo scorso sono stati stabiliti modalità e termini di presentazione delle istanze di accesso alle agevolazioni in favore delle imprese e dei titolari di reddito di lavoro autonomo localizzati nella zona franca urbana nel territorio della Città metropolitana di Genova a seguito del crollo del ponte Morandi.

A CHI È RIVOLTA LA MISURA
L’intervento prevede, per i periodi di imposta 2018 e 2019, la concessione di agevolazioni sotto forma di esenzioni fiscali e contributive in favore di imprese e titolari di reddito di lavoro autonomo – questi ultimi esclusivamente per quanto attiene l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali sulle retribuzioni di lavoro dipendente a carico del datore di lavoro – che svolgono la propria attività, o che la avviano entro il 31/12/2019 nella ZFU di Genova.

PERIMETRO DELLA ZONA FRANCA URBANA (ZFU)
La Zfu comprende i comuni di Campomorone, Ceranesi, Mignanego, Sant’Olcese e Serra Riccò, nonché i Municipi Valpolcevera, Centro Ovest, Centro Est (quartieri di Oregina, Lagaccio, Pre-Molo-Maddalena, Castelletto, Portoria), Medio Ponente e Ponente del Comune di Genova.

CHI PUÒ FARE DOMANDA
Le imprese e i titolari di reddito di lavoro autonomo devono dimostrare di avere subito una riduzione del fatturato pari al 25% nel periodo dal 14/08/2018 al 30/09/2018 rispetto al valore mediano del corrispondente periodo relativo al triennio 2015-2017. Il predetto requisito non si applica alle imprese e ai titolari di reddito di lavoro autonomo che hanno avviato l’attività nella Zfu tra il periodo 14/08/2017 e il 14/08/2018.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
Le istanze possono essere presentate a decorrere dal 16 aprile 2019 e sino al 21 maggio 2019 esclusivamente per via telematica. Si evidenzia che l’ordine temporale di presentazione non determina alcun vantaggio né penalizzazione nell’iter di trattamento delle stesse.

Informativa a cura del Dott. Maurizio Pecoraro – Commercialista in Genova