ALTRI

CITTA’ DI CAMOGLI – “70 Anni di Opere Pubbliche. Il Paesaggio abitato, le sue trasformazioni grazie al lavoro dell’uomo”

Data Evento: 24/04/2018
Sede: Teatro Sociale, Piazza Matteotti 5 - Camogli
Crediti formativi: 4 CFP

ORARIO: 09.00-13.00
POSTI DISPONIBILI: 30 posti
ISCRIZIONE: in imateria
ALLEGATI: locandina – Programma

Le trasformazioni del paesaggio grazie al lavoro dell’uomo.
50 anni di opere pubbliche effetti e difetti.

Il Paesaggio Naturale e il Paesaggio Urbano sono due facce della stessa medaglia; la Natura o il territorio trasformato dall’uomo e dal lavoro hanno generato quello che oggi ammiriamo come Paesaggio. Ma l’abbandono e la mancata manutenzione determinano dissesto e perdite  di vite e di economie e il ruolo della Politica e delle professioni tecniche diventa una missione.

La giornata del 24 aprile, nella splendida location del Teatro di Camogli, inizia un percorso di sintesi e di difesa confidando di continuare il rapporto di rete e di referenza con la filiera che parte dalle decisioni, passando per la società civile, le professioni e le imprese.

Le opere dell’uomo, da sempre incentrate al recupero di territorio per la vita, la coltivazione e la difesa del suolo, hanno modificato la Natura rendendola Paesaggio; le opere pubbliche di difesa e di mitigazione del rischio, hanno comportato modifiche del Paesaggio, a volte positive, a volte vere ferite. Le briglie per la captazione delle acque, per gli usi più disparati, servono l’uomo ma con la memoria corta non ragionano sulle modificazioni a medio termine, ma risolvono problemi immediati, spesso creando veri disastri ambientali.

L’obiettivo della giornata è di mettere a fuoco le priorità della politica, col supporto dei professionisti che lavorano sul territorio e col territorio, modificando il paesaggio costantemente, per la difesa e lo sviluppo. Consumo di Suolo zero, Rinaturalizzazione, Rigenerazione Urbana. Il momento di incontro ha l’obiettivo di riempire di contenuti, le parole che suonano vuote all’orecchio del cittadino e del fruitore del paesaggio, per innestare una vera politica di difesa del Paesaggio ligure, patrimonio dell’uomo che lo vive prima che dell’Umanità.

Vorremo anche proporre un esempio “virtuoso” di interrelazione tra pubblico e privato, tra politica e professioni tecniche, tra lo “Stato” ed i cittadini,  l’esempio di San Fruttuoso di Camogli, dei rapporti tra Enti virtuosi, perchè se il tema è “scivoloso” la voglia di fare, spesso, agevola i buoni risultati.

Arch. Roberto Burlando
Segretario Ordine degli Architetti di Genova con delega a Lavori Pubblici