Tutti gli articoli di Elisabetta

Altri, architettura, paesaggio-design-tecnologia, Formazione, In homepage

Uomo, ambiente e architettura: corso base di Feng Shui (16 CFP)

Sabato 16 e domenica 17 novembre, all’NH Hotel di Genova Centro, è in programma un corso base di Feng Shui a cura dell’Associazione Kan Yu, docente Stefan Vettori, valido per il conseguimento di 16 CFP per architetti..

Il corso è a numero chiuso per un massimo di 25 partecipanti, il termine per le iscrizioni è l’8 novembre.

Tutte le informazioni su costi e programma sul sito della Fondazione

Eventi, In homepage, OA Informa

Genova, città e architettura nel ‘900

Uno sguardo su una Genova insolita, lontana dall’intrico dei suoi caruggi e alternativa ai palazzi dei Rolli: “Genova, città e architettura nel ‘900” è il titolo di un ciclo di conferenze che la Fondazione dell’Ordine degli Architetti dedica ai principali contributi architettonici e alle trasformazioni urbanistiche del secolo scorso, a partire dall’8 aprile e fino al 17 giugno, presso la Sala del Minor Consiglio di Palazzo Ducale.

Genova è conosciuta e studiata per il suo centro storico medievale, per le strade aristocratiche del Siglo de Oro e per la sua straordinaria espansione ottocentesca, mentre è meno nota la vicenda della sua trasformazione più recente. Nell’epoca dell’industria, infatti, le trasformazioni produttive e tecnologiche hanno mutato progressivamente, ma in maniera radicale, il linguaggio dell’architettura; una rottura, quella operata dal Moderno rispetto al repertorio classico-accademico familiare anche ai non addetti ai lavori, talmente netta dall’aver provocato, in molti, un senso di rigetto.

Proprio per rendere questa trasformazione più comprensibile, la Fondazione ha chiesto a sei diversi architetti di raccontare l’evoluzione vissuta dalla città nel corso del Novecento, indagandone i processi formativi e le nuove modalità espressive, in modo da far meglio conoscere Genova ai suoi stessi abitanti.

Il primo appuntamento, come detto, è per lunedì 8 aprile con Jacopo Baccani, che parlerà della “Genova ottimista” della Belle Époque.

Di seguito il calendario completo delle conferenze, tutte a ingresso gratuito:

lunedì 8 aprile ore 17, 45
1. GENOVA OTTIMISTA
Un’aspirante metropoli della ‘Belle époque’ fra Gino Coppedé e Renzo Picasso
Jacopo Baccani

martedì 30 aprile ore 17,45
2. LE DIVERSE ANIME DEL MODERNO A GENOVA
“Novecento” e primo razionalismo
Alessandro Ravera

lunedì 13 maggio ore 17,45
3. GENOVA RAZIONALISTA
La città di Luigi Carlo Daneri da Piazza Rossetti al Monoblocco S. Martino
Francesco Rosadini

lunedì 27 maggio ore 17,45
4. GENOVA RICOSTRUITA
Il ruolo degli architetti genovesi nelle trasformazioni urbane del secondo dopoguerra, da Marco Dasso ad Aldo Luigi Rizzo
Antonio Lavarello

martedì 4 giugno ore 17,45
5. GENOVA PER NOI
L’apporto degli architetti non genovesi
Enrico D. Bona

lunedì 17 giugno ore 17, 45
6. UNA MODERNITÀ NUOVA
Le trasformazioni urbane degli anni ’80 e ’90: Carlo Felice, Expo ’92 e Facoltà di Architettura, tre progetti per un nuovo rapporto tra centro e periferie
Gian Luca Porcile

Rassegna stampa

Il Secolo XIX ed. 07/04/2019  Il Giornale ed. 25/04/2019    2019_04_30_Genova 900_Repubblica

La Repubblica, Primocanale, Mentelocale, La Voce di Genova, Palazzo Ducale, La Mia Liguria, Cultura in Liguria, Professione Architetto, GOA Magazine, Visit Genoa, Evensì

Primocanale – intervista a Benedetto Besio del 30 aprile 2019

In homepage, OA Informa, Professione

Pagamento della quota di iscrizione per il 2019: scadenza il 31 marzo

Si ricorda che il 31 marzo 2019 è scaduto il termine per il pagamento della quota d’iscrizione all’Ordine. Si invita quindi quanti non avessero ancora adempiuto al pagamento relativo all’anno 2019 o alle quote pregresse, di provvedere al più presto.

Modalità di pagamento delle quote e diritti di segreteria
Le quote, pari ad € 225,00 per gli iscritti da più di tre anni e di € 120,00 per i colleghi neo iscritti e per i due anni successivi alla loro prima iscrizione, potranno essere saldate mediante i seguenti mezzi di pagamento:

  • Contanti
  • MAV
  • Bonifico bancario
  • Carta di credito
  • Bancomat

Di seguito le coordinate bancarie utili per eseguire il versamento.

Coordinate bancarie Ordine Architetti:
Banca UNICREDIT – Agenzia 07503 – Genova Levante
CODICE IBAN IT80W0200801468000102483172
Intestato a: Ordine degli Architetti P.P.C. Della Provincia di Genova.

Inoltre, al fine di migliorare le modalità di comunicazione fra l’Ordine e ciascun iscritto, in osservanza dell’art. 16, VII, D.L. n. 185/2008 convertito in L. n. 2/2009 e dell’art. 17 del Codice deontologico, si ricorda l’obbligo di render noto alla Segreteria dell’Ordine il proprio indirizzo PEC, aggiornato.

Procedura applicata ai morosi
La posizione di coloro i quali non avranno pagato la quota entro suddetto termine sarà segnalata d’ufficio al Consiglio di Disciplina che istruirà il relativo procedimento disciplinare per violazione dell’art. 4.6 del vigente Codice Deontologico, che culmina nella sospensione a tempo indeterminato. Le spese relative a detto procedimento saranno addebitate all’iscritto.

Inoltre, si ricorda che  i costi derivanti dall’apertura del procedimento disciplinare ai diretti interessati dovranno essere addebitati come segue:

  • € 25,00 per procedimenti che si concludano con “non luogo a procedere” (44.1 del cod. deontologico);
  • € 40,00 per procedimenti che si concludano con “archiviazione” (44.2 del codice deontologico);
  • € 40,00 + € 20,00 per procedimenti che si concludano con “sospensione a tempo indeterminato” + ”revoca della sospensione”.

Infine, si evidenzia che l’obbligo di pagamento della quota vige anche per i colleghi che presentano istanza di cancellazione dall’Ordine  nel corso dello stesso anno e che per gli inadempienti, come ratificato dall’assemblea degli iscritti, sarà necessario procedere a norma di legge per il recupero di quanto dovuto con relativo addebito delle spese procedimentali.

In homepage, OA Informa, Professione

Presentati nella sede del CNA i Bandi tipo per concorsi di progettazione. Favorevole intervento della Regione Liguria.

Cari Colleghi,

giovedì 7 marzo il lavoro di quasi due anni dei gruppi di lavoro locali e nazionali sui Concorsi, sui Bandi e sull’ONSAI è stato presentato alle amministrazioni di tutte le regioni italiane riunite nella Sala Sirica del Consiglio Nazionale degli Architetti.
La Regione Liguria è stata rappresentata dal direttore arch. Adriano Musitelli e dall’arch. Silvia Risso insieme al dott. Stefano Mare e alla dott.ssa Anna Schiappapietra, che hanno partecipato ai lavori manifestando adesione e disponibilità affinché i nostri Bandi tipo, nati dalle richieste dei colleghi dei nostri ordini e dalla Rete delle Professioni Tecniche, diventino i bandi delle stazioni appaltanti liguri, come delle altre regioni italiane.
Un ringraziamento  alla Regione Liguria, che ancora una volta ci affianca attivamente su questo tema; un riconoscimento anche da parte del Consiglio Nazionale che ha molto apprezzato l’intervento dei rappresentanti liguri.
Una giornata importante, anche perché è stata accolta favorevolmente la proposta di un tavolo tecnico tra Consiglio Nazionale degli Architetti e Consulta Stato-Regioni in modo da condividere le osservazioni per la tanto annunciata riforma al Codice degli Appalti in maniera univoca e concordata.
Un grandissimo risultato, dimostrato dall’adesione di ANAC e di ITACA a dimostrazione che il lavoro paga e la collaborazione tra entri diversi e professioni diverse, se accomunate dall’identico obiettivo, consentono di lavorare per aprire il mercato, per i giovani professionisti e soprattutto  per fare emergere il ruolo e l’effetto della buona qualità in architettura.
Un successo di tutta la categoria per il quale ringraziamo tutti i colleghi che hanno collaborato e lavorato con noi e con il Consiglio Nazionale su questi temi.

Quando i colleghi mi chiedono a cosa serve andare a Roma, dopo giornate come questa, come le giornate del Congresso nazionale di luglio scorso, come il lavoro dell’ONSAI, dopo le lotte per promuovere i concorsi, rispondo che – sì c’è molto da fare ancora – ma il sistema ordinistico forse serve ancora a qualcosa.

Arch. Roberto Burlando
Segretario Ordine Architetti di Genova e Referente Regionale ONSAI

ALLEGATI: Cs CNAPPC 11 marzo 19

OA Informa, Professione

GIARDINO ITALIANO – Call for project

E’ aperta la CALL per la raccolta dei progetti di giardini e opere a verde realizzati che saranno selezionati per il SESTO NUMERO della speciale Monografia di GIARDINO ITALIANO, la cui pubblicazione è prevista per l’inizio del mese di Giugno 2019.
La pubblicazione conterrà importanti novità portando in rassegna le opere realizzate nei diversi settori sia del giardino contemporaneo sia storico.
 
SCADENZA: 2 Aprile
INVIARE PROPOSTE A: redazione@paysage.it
PER INVIO con WeTransfer: comunicazione@paysage.it
PER INFO: redazione@paysage.it – 0234592780